Essere donna in azienda. Una questione di genere sempre attuale e ancora da affrontare.

Essere donna nel 2020 e lavorare in azienda dovrebbe essere come essere uomo nel 2020 e lavorare in azienda. Eppure non è così. Non è così a partire dalle nove donne in riunione con il collega a cui ci si appella al maschile generico, seppure il genere femminile componga il 90% del team, non è così per la donna lavoratrice e mamma che fatica a trovare un equilibrio tra lavoro e famiglia e si ritrova a dover rinunciare al tempo per sé, non è così per la donna dirigente che guadagna 6 mila euro l’anno in meno del collega uomo (Gender Gap Report 2020). E non è di certo così per il milione e 404 mila donne tra i 15 e i 65 anni che hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul posto di lavoro (ISTAT 2018).

Una questione linguistica

Il gender gap è figlio di una cultura non inclusiva, che fa della questione di genere una non questione. Ecco perché è necessario sensibilizzare, informando e formando sul tema tutta la popolazione aziendale. La strada da percorrere è quella di far comprendere il problema a chi il problema non lo percepisce e solo successivamente agire per mitigarlo.

Il sessismo è un linguaggio, un atteggiamento e una modalità di pensiero che può essere disappresa insegnando modalità diverse, che possano tradursi in comportamenti concreti di rispetto, inclusione e parità, sempre attraverso la comprensione e l’integrazione delle differenze. 

Il sessismo è un linguaggio e proprio per questo parte dalle parole: da battute, terminologie, e omissioni che a loro volta danno vita a stereotipi e pregiudizi di genere.

La matrice culturale e linguistica della questione è dunque evidente. Una matrice che pone le basi al gap salariale, al soffitto di cristallo, alle molestie, allo stalking, fino ad arrivare alla violenza. Certo, linguaggio sessista e stereotipi sono condizioni necessarie ma non sufficienti per comportamenti violenti, eppure ne rappresentano pur sempre la base. Ecco perché è necessario partire dal linguaggio per affrontare la questione di genere. Come quasi sempre accade, infatti, non è possibile risolvere un problema se non agendo alla sua fonte.

Affrontare la questione di genere: dalle parole ai fatti

Il linguaggio struttura il modo che abbiamo di vedere il mondo e se le parole che si utilizzano in azienda non prevedono, ad esempio, il femminile, l’organizzazione avrà difficoltà a vedere, riconoscere e valorizzare le donne. Il linguaggio struttura talmente tanto il pensiero che quest’ultimo, senza parole, nemmeno esiste. Il pensiero, a sua volta, dà vita ai comportamenti. Da qui, la necessità di ristrutturare il linguaggio per ristrutturare i comportamenti, passando, appunto, dai pensieri e dalle rappresentazioni che si hanno del femminile.

Wittgenstein, filosofo che studiò a fondo il linguaggio, disse: “I limiti del mio linguaggio costituiscono i limiti del mio mondo”. Ecco allora che diventa fondamentale varcare quei limiti e ampliarli, a partire proprio dalla comunicazione, da ciò che si scrive nelle email e da ciò che si dice nelle riunioni, fino ad arrivare alla comunicazione con l’esterno e i diversi stakeholders. Così come il linguaggio può ferire, può e deve, infatti, educare.

Educare a una cultura organizzativa inclusiva, dove non ci sia spazio per molestie e violenze nei luoghi di lavoro, dove le donne si sentano valorizzate e non discriminate, dove la leadership sia leadership, ma il femminile possa esprimersi, dove allungare la mano, ammiccare, approcciare, siano comportamenti stigmatizzati e non dimostrazioni di stima. 

Se i fatti sono molestie

Cosa succede quando in azienda il linguaggio si traduce in comportamenti inopportuni, sfociando nelle molestie?

Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e dal momento che le molestie sui luoghi di lavoro sono una forma di violenza, è fondamentale parlarne.

Le molestie sono infatti comportamenti indesiderati a connotazione sessuale non solo di tipo fisico, ma anche verbale. Offendono la persona e contribuiscono altresì a lederne l’immagine personale, inficiando il suo lavoro e la sua salute.

Le molestie enfatizzano l’immagine della donna come oggetto, mettendo in secondo piano il suo ruolo aziendale e il suo essere collega, collaboratrice o capa. Sono parole e comportamenti, spesso difficili da riconoscere proprio per le ragioni culturali e linguistiche alla base della questione di genere.

Sono molestie tutte le avances e i contatti fisici non desiderati, certo, ma lo sono anche i doppi sensi offensivi, gli apprezzamenti allusivi, i commenti fuori luogo sul corpo o sull’aspetto.

Come riconoscere le molestie?

Quando si sensibilizza e si fa formazione in azienda su questi temi, spesso le persone chiedono: ma come distinguere le molestie dai semplici complimenti o da un sincero corteggiamento? Domanda che mette in luce quanto la questione di genere vada affrontata anche, e soprattutto, nei luoghi di lavoro. Il corteggiamento è tale quando viene accettato e in qualche modo condiviso: il corteggiamento è paritario, la molestia si basa invece su un disequilibrio di forze e potere. Un no è un no: la molestia c’è quando il no si travalica e si genera imbarazzo e disagio.

Dai fatti ai rimedi per affrontare la questione di genere

Il 25 novembre le aziende hanno l’occasione di promuovere iniziative di sensibilizzazione che non si riducano a un’informativa o a fiocchi rossi appuntati alle camicie; iniziative che possano smuovere le persone, andando a toccare la matrice culturale e linguistica. La condivisione di video a forte impatto emotivo o brevi eventi formativi diffusi possono essere i primi passi per lanciare la tematica e cominciare a favorire il dialogo e il confronto.

Così come la violenza comincia con una parola, così il viaggio verso una cultura di genere inclusiva comincia da un passo. Un passo dopo l’altro si può passare a piani di comunicazione ad hoc, percorsi formativi, azioni organizzative di Diversity&Inclusion e people care, servizi di ascolto.

Sta alle e agli HR e a chi si occupa di comunicazione interna raccogliere questa sfida, entrando in sinergia e collaborando per una trasformazione culturale che possa rendere l’azienda un luogo che accoglie, rispetta e riconosce. Un luogo dove le battute sessiste, i comportamenti inopportuni, le molestie vengono scoraggiate dal basso, dalle singole persone che ogni giorno si impegnano per rendere il proprio luogo di lavoro un luogo in cui chiunque, a prescindere dal proprio genere di appartenenza, possa sentirsi sicura e sicuro, riconosciuta e riconosciuto. Perché intervenire sul gender gap, sul sessismo e sulla violenza fa certamente bene alle donne, ma fa bene anche agli uomini.

Può interessarti anche Glass Ceiling. Quando avere pari opportunità non significa essere davvero alla pari.

Bibliografia

Global Gender Gap Report 2020  – World Economic Forum

Istat

Non sono sessista, ma… Il sessismo nel linguaggio contemporaneo – Lorenzo Gasparrini

Tractatus logico-philosophicus – Ludwig Wittgenstein

Gender diversity e strategie manageriali per la valorizzazione delle differenze. Interviste HRC Academy a donne manager di successo –  a cura di Carla Panetta e Michela Tina Romita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *
Email *

© Copyright Mindwork 2021 - Tutti i diritti riservati