Lifelong learning. Un approccio alla formazione costante che parte da noi stessi.

Si sa che la conoscenza e l’apprendimento continuo sono essenziali nello sviluppo di ogni persona, sia in ambito professionale che in quello umano. Avere conoscenze trasversali aiuta nel lavoro e nella vita. Con il miglioramento delle tecnologie, la conoscenza si è resa più accessibile per tutti e un’istruzione di qualità è alla portata di molte più persone rispetto al passato.

Cos’è il Lifelong Learning?

Il lifelong learning (o apprendimento permanente) è il processo individuale di acquisizione di competenze che permette di aggiornare ed adeguare la propria formazione rispetto a nuovi bisogni sociali, lavorativi, professionali e personali.

Non va confuso con il normale ed inevitabile accumularsi, nel corso degli anni, delle esperienze che accrescono il bagaglio personale di capacità e abilità. Il principio di lifelong learning si riferisce piuttosto ad un processo intenzionale, che ha come motore principale l’individuo stesso, il quale, proattivamente, cerca le opportunità formative più adatte ai suoi obiettivi e alle sue esigenze.

A chi lo pratica consente di rispondere in modo efficace ed effettivo ai nuovi bisogni, cambiamenti e sfide che gli si presenteranno durante la vita. Questi avvenimenti possono essere personali, sociali, lavorativi e professionali.

Pertanto, questo approccio richiede una buona capacità di gestione critica della propria conoscenza e ha a che fare con tre tipologie di apprendimento:

  • Formale, costituito da percorsi d’istruzione e formazione da frequentare all’interno di appositi istituti specializzati, al termine dei quali si rilascia un diploma o si attesta una qualifica professionale.
  • Non formale, vale a dire tutte quelle competenze e conoscenze che vengono acquisite al di fuori di percorsi d’istruzione e formazione, per esempio all’interno della propria azienda, di associazioni, sindacati o altre realtà dell’associazionismo;
  • Informale, anche conosciuto come formazione non pianificata, ossia quel processo che, non legato a dimensioni spazio-temporali, permette all’individuo di acquisire abilità, conoscenze e competenze semplicemente facendo esperienza della vita.

Come adottare il lifelong learning nella tua vita?

  1. Riconosci i tuoi interessi e obiettivi personali. Rifletti su ciò che ti appassiona e su ciò che immagini per il tuo futuro.
  2. Fai un elenco di ciò che vorresti imparare o essere in grado di fare. Una volta identificato ciò che ti motiva, esplora ciò che riguarda quel particolare interesse o obiettivo che desideri raggiungere.
  3. Identifica come vorresti essere coinvolto e le risorse disponibili. Il raggiungimento dei nostri obiettivi personali inizia con la comprensione di come iniziare.
  4. Struttura l’obiettivo di apprendimento nella tua vita. Inserire un nuovo obiettivo di apprendimento nella tua vita frenetica richiede considerazione e impegno. Se non crei tempo e spazio per esso, non accadrà.
  5. Prendi un impegno. Impegnarsi nella decisione di impegnarsi in una nuova iniziativa di apprendimento è il passo finale e più importante. Se hai impostato aspettative realistiche e hai la motivazione personale per superarlo, impegnati ad evitare scuse.

Potrebbe interessarti anche Motivazione al lavoro: come i manager possono influire sul benessere delle persone.

Vantaggi dell’apprendimento permanente

Vediamo ora quali sono i benefici di questo approccio alla formazione.

Crescita professionale.

Mentre siamo impegnati nell’apprendimento di una nuova abilità o nell’acquisizione di nuove conoscenze, stiamo anche sviluppando altre abilità preziose che possono aiutarci nella nostra vita personale e professionale. Accrescere la conoscenza la conoscenza significa anche aumentare il nostro vantaggio competitivo.

Lo sviluppo delle competenze può includere capacità interpersonali, creatività, risoluzione dei problemi, pensiero critico, leadership, riflessione, adattabilità e molto altro.

Vantaggi cognitivi.

Formarsi costantemente aumenta la nostra capacità di usare quella conoscenza in modi diversi e significativi, non solo nella sfera professionale.

Quando siamo veramente aperti alla conoscenza,  l’apprendimento permanente migliora la nostra mente aiutandoci a vedere e apprezzare nuove opportunità. Non c’è cosa migliore dell’apprendere per il piacere di farlo, senza costrizioni e programmi imposti.

Mantenere la mente allenata aiuta a migliorare le capacità cognitive, la memoria e le doti di concentrazione.

Migliore autostima.

Diventare più informati o qualificati in qualcosa può aumentare la nostra autostima sia nella nostra vita personale che professionale.

Nella nostra vita personale, questa fiducia può derivare dalla soddisfazione di dedicare tempo e sforzi all’apprendimento e al miglioramento, dandoci un senso di realizzazione.

Nella nostra vita professionale, questa fiducia in se stessi può essere la sensazione di fiducia che abbiamo nelle nostre conoscenze e la capacità di applicare ciò che abbiamo imparato.

Socializzazione.

Il lifelong learning è utile anche a sviluppare le nostre doti sociali. L’apprendimento stimola la condivisione e il coinvolgimento sociale. Spesso entriamo in contatto con gli altri perché vogliamo imparare da loro e con loro. Questo offre molte opportunità per socializzare e ampliare le nostre conoscenze. Ciò vuol dire maggiori opportunità di fare networking, conoscere persone interessanti, trovare nuove collaborazioni professionali.

Per concludere

È indubbio che, in ambito lavorativo, persone dotate di buone ed aggiornate competenze abbiano maggiori probabilità di avere un lavoro, mantenerlo e di disporre di retribuzioni più elevate. Al contrario, carenza di competenze provocano spreco di risorse, di talenti e riducono il potenziale di competitività e di crescita aziendale.

Che si tratti di perseguire interessi e passioni personali o inseguire ambizioni professionali, l’apprendimento permanente può aiutarci a raggiungere la realizzazione e la soddisfazione personali.

Bibliografia

P. Ellerani, Successo formativo e Lifelong learning. Franco Angeli

C. Secci, Apprendimento permanente e educazione. Franco Angeli

MIUR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *
Email *

© Copyright Mindwork 2020 - Tutti i diritti riservati