La creatività come risposta alle richieste del nostro ambiente. Anche di lavoro.

di Paola Arisci

La maggior parte di noi al pensiero di un lavoro creativo penserà sicuramente allo stilista, al pittore, al musicista o al fotografo, ma in realtà in qualsiasi nostro lavoro possiamo applicare la creatività.

Essere creativi sul posto di lavoro va ben oltre la creazione della presentazione di Power Point più colorata.

Che cos’è il pensiero creativo? 

Molti lavori richiedono un pensiero creativo, comprese le posizioni nel mondo degli affari e della scienza. Alcune persone sono naturalmente più creative di altre, ma il pensiero creativo può essere rafforzato con la pratica.

Creatività significa semplicemente essere in grado di inventare qualcosa di nuovo.

Pertanto, il pensiero creativo è la capacità di considerare qualcosa, un conflitto tra dipendenti, un raggruppamento di dati, un progetto, in un modo nuovo. E’ sicuramente funzionale avere in azienda dipendenti capaci di andare oltre il pensiero “abbiamo sempre fatto così”.

Il pensiero creativo, infatti, significa guardare qualcosa in un modo nuovo. È la definizione stessa di “pensare fuori dagli schemi”.

Le persone creative hanno la capacità di escogitare nuovi modi per svolgere compiti o risolvere problemi. Offrono una nuova, e talvolta non convenzionale, prospettiva al loro lavoro.

Mentre il World Economic Forum (2018) predice che la creatività sarà una delle principali abilità richieste nel mondo del lavoro, è innegabile che alcune organizzazioni non evolute non vedano di buon occhio collaboratori creativi, in quanto non convenzionali e tendenti ad uscire dalle regole imposte.

Benefici della creatività in azienda

  1. Migliora la produttività. La routine può davvero danneggiare la produttività. Attivando il pensiero creativo si introducono nuovi schemi di pensiero che influiscono in modo positivo sulla produttività.
  2. Incoraggia la risoluzione dei problemi. Nel lavoro la creatività può riguardare il come e il cosa: cioè inventare cose nuove o fare in modo nuovo cose che c’erano già e che magari sono sempre fatte con modalità consolidate.
  3. Migliora la cooperazione. Molte aziende offrono ai loro dipendenti un’attività di team building creativo perché questo sembra essere il modo più vantaggioso per aiutare i membri del loro team a lavorare insieme. La maggior parte delle forme di creatività non sono competitive, il che diminuisce l’idea di rivalità sul posto di lavoro e incoraggia una squadra a lavorare insieme.
  4. Aumenta la positività e serenità del personale. Possiamo affermare che essere creativi rende semplicemente felici e serene le persone in quanto riduce lo stress. Se i dipendenti sono felici lavoreranno meglio e si sentiranno più coinvolti nella vita aziendale.

Come allenare la creatività

Bisogna iniziare a  superare le abitudini e cimentarsi nella sperimentazione di qualcosa che abbiamo sempre lasciato fuori dal nostro quotidiano: fare una strada diversa per andare a lavoro, ordinare un piatto nuovo, ascoltare un genere musicale nuovo. Queste sono tutte strategie utili a sviluppare la creatività e a mettere in pratica nuove strategie di pensiero.

Allenare alla creatività in azienda vuol dire, quindi, allenare le persone ad essere creative, pensare in modo nuovo, attivando l’immaginazione, partendo da prospettive non ancora esplorate, per raggiungere un risultato concreto e utile per il contesto organizzativo nel quale operano. Vuol dire investire sulle persone affinché diventino parti attive di cambiamento e trasformazione, per impattare in modo concreto sui risultati di business.

Come l’azienda può implementare la creatività

L’implementazione della creatività sul posto di lavoro può essere un compito impegnativo, specialmente quando si dispone di un gruppo diversificato per competenze, ma sicuramente non è impossibile. Ecco di seguito qualche suggerimento:

  • Promuovere il problem solving. In questo modo i dipendenti saranno impegnati anche quotidianamente a pensare e ad affrontare le situazioni in modo creativo e diversificato.
  • Libertà di espressione. I dipendenti sono più creativi quando possono scegliere i metodi di lavoro che vorrebbero utilizzare.
  • Creare gruppi di lavoro. Quando fanno parte di un gruppo, i dipendenti possono ascoltare approcci diversi e costruire opinioni e processi di pensiero diversi. Lavorare in gruppo può aiutare i dipendenti a migliorare la loro capacità creativa.
  • Supporto organizzativo. L’intero team dovrebbe lodare la creatività e consentire agli altri di sentirsi in grado di discutere apertamente le proprie idee. Anche se non si è d’accordo con alcune idee è necessario non far passare il messaggio che sia una “cattiva idea”.

Vantaggi della creatività sul posto di lavoro

È evidente che creatività e innovazione sul posto di lavoro possono essere vantaggiose per tutti. Favorendo la creatività, aumenta l’impegno e l’interazione sul posto di lavoro. Quando i dipendenti sono in grado di lavorare come una squadra coesa rendono l’ambiente più rilassato. Consentire ai dipendenti di utilizzare il loro pensiero creativo durante la giornata lavorativa può migliorare la fiducia in se stessi e la motivazione, pertanto saranno più felici di contribuire al successo dell’azienda.

Bibliografia

Jeff DeGraff, Katherine A. Lawrence, Creativity at Work Ed. Jossey-Bass

Mihaly Csikszentmihalyi, Creativity: Flow and the Psychology of Discovery and Invention Ed. HarperCollins

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *
Email *

© Copyright Mindwork 2019 - Tutti i diritti riservati